COSTELLAZIONE VICINELLI - Comune di Castel Maggiore

Eventi - Comune di Castel Maggiore

COSTELLAZIONE VICINELLI

Prova aperta teatrale del primo studio dello spettacolo

COSTELLAZIONE VICINELLI

uno spettacolo di Gruppo RMN

con Leonardo Bianconi, Luisa Borini, Leo Merati, Giulia Quadrelli, Chiara Sarcona

drammaturgia Francesco Tozzi

video e musiche Leo Merati

consulenza letteraria Allison Grimaldi Donahue

regia Gruppo RMN

Le opere e la vita della poetessa Patrizia Vicinelli (1943-1991) nella Bologna degli anni a cavallo tra il ’70 e l’80, gli anni in cui nel capoluogo emiliano nasce il DAMS, viene fondata Radio Alice, prendono piede avanguardie musicali, teatrali, letterarie, movimenti politici e attorno alla città si crea un particolare urban mythscape, ovvero una mitologia giovanile che descrive Bologna come un “mondo immaginato”.

Patrizia Vicinelli nasce a Bologna il 23 agosto 1943. Poetessa precoce, entra in contatto con i circoli culturali cittadini, dove conosce il poeta Adriano Spatola, lo scrittore e scienziato Giorgio Celli e gli autori teatrali Alberto e Luigi Gozzi. Negli anni '60 lavora al teatro sperimentale con Aldo Braibanti ed Emilio Villa, pubblica i primi testi sulla rivista di poesia «Ex» e collabora come scrittrice di letteratura e cinema con la rivista «Quindici». Trasferitasi a Roma nel 1964, scrive per il cinema sperimentale in collaborazione con il cineasta Alberto Grifi; due anni al convegno di La Spezia del «Gruppo '63» la sua performance riscuote un grande successo. Nel 1967 pubblica, su supporto in vinile e a stampa, l'opera «à, a. A». Il volume viene presentato nello stesso anno presso la libreria Feltrinelli di Roma: tra il pubblico sono presenti molte personalità di rilievo della cultura italiana, come Italo Calvino, Nanni Balestrini, Dario Bellezza.

Dal 1968 partecipa a numerose mostre di poesia visuale in tutta Italia e si esibisce in performance di lettura in festival nazionali ed internazionali. Nei due anni successivi vive in Marocco, dove scrive il suo secondo libro, il poema visivo «Apotheosys of a Schizoid Woman: 1969/1970», pubblicato nel 1979 nel periodico «Tau/ma». Tornata a Roma, tra il 1975 ed il 1976 inizia la stesura del poema epico «Non sempre ricordano», pubblicato in versione ridotta dall'editore Aelia Laelia di Parma nel 1985. Collabora inoltre con l'artista Gianni Castagnoli alla realizzazione del film «La nott' e 'l giorno» (dal 1973 al 1976), della video performance «Durante la costa dei millenni» (1987) e ad altri lavori in video di poesia visiva.

Tra la fine del 1977 e l'inizio del 1978 - durante un periodo di detenzione nel carcere di Rebibbia - scrive ed allestisce con le altre detenute «Cenerentola», testo teatrale sull'autonomia femminile messo in scena a porte chiuse ma celebrato da numerosi quotidiani. Negli anni successivi pubblica contributi su numerose riviste ed antologie letterarie: tra le riviste, oltre a quelle già citate, si segnalano «Zibaldone», «Alfabeta», «Malebolge», mentre tra le antologie si ricordano «Poesie degli anni Settanta» (Feltrinelli, 1979), «Poésie internationale» (Guy Binsfeld, 1987), «Poesia italiana della contraddizione» (Newton Compton, 1989). Tra le opere di poesia fonetica si segnalano «Futura» (1978), «Baobab II» (1981), «Majakovskij il tredicesimo apostolo» (1989).
Patrizia Vicinelli morì prematuramente nel 1991.

Una prima raccolta di opere è stata pubblicata nel 1994, a cura di Renato Pedio, per l'editore All'insegna del pesce d'oro; nel 2009 Cecilia Bello Minciacchi ha curato la pubblicazione del corpus pressoché completo delle opere edite e inedite dell'artista nel volume «Patrizia Vicinelli. Non sempre ricordano. Poesia Prosa Performance» per la casa editrice Le Lettere.

(fonte: SIUSA)


Una co-produzione Gruppo RMN e #narrandoBO

con il contributo del Comune di Bologna

con il sostegno di: Kilowatt/Capotrave - Mirabilia Festival Europeo - Comune di Castel Maggiore

_____________________________________

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI - prenotazioni su Eventbrite


CondimentiOff è una rassegna curata da Articolture e Bottega Bologna (direzione artistica Fabrizio Tito Cabitza) per il Comune di Castel Maggiore, sostenuta dall'Unione Reno Galliera. Racchiude tutti gli appuntamenti 2022 prima e dopo il Condimenti Festival.

 

categoria
Benessere Sociale - Welfare, cultura, salute, casa, sport
dove
Teatro Biagi D'Antona, via G, la Pira 54, 40013 Castel Maggiore
quando
telefono
3282389373
Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (550 valutazioni)