Nuova biblioteca - Comune di Castel Maggiore

archivio notizie - Comune di Castel Maggiore

Nuova biblioteca

 

 

UNA NUOVA BIBLIOTECA NEL FUTURO DI CASTEL MAGGIORE

Martedì 15 dicembre si è tenuto on line l'incontro pubblico di presentazione del progetto alla vigilia del bando per assegnazione lavori e dopo un lungo percorso di confronto con operatori, residenti, utenti.

Sono intervenuti la Sindaca Belinda Gottardi, il Vicesindaco Luca de Paoli, l'Arch. Federico Bargone che ha guidato il team di progettazione.

 

La sindaca Gottardi ha ricordato come l’edificio che ospita l’attuale Biblioteca sia ormai sottodimensionato rispetto alle esigenze: infatti non può contenere l’attuale patrimonio librario, tanto che una parte dei settori disponibili è stata collocata altrove e non è più possibile tenerla nella biblioteca, e per i limiti strutturali dell’edificio non c’è risposta a quelle funzioni che una biblioteca deve svolgere oggi, non solo un luogo dove si collocano i libri per poi andarli a prendere in prestito, ma è un luogo di ritrovo, di studio, di consultazione, di socialità, destinato innanzitutto agli studenti e ai ragazzi, ma non solo.

Anche la ricerca di locali idonei da riadattare all’utilizzo come biblioteca non ha dato esito, e quindi è nata l’idea di un progetto del tutto nuovo: abbiamo pensato a un luogo immerso nel verde, a un parco, un parco vicino alle scuole del territorio e in centro: da qui l’idea di realizzare la Biblioteca nel parco Calipari. Dopo il concorso di idee, cui hanno partecipato 80 disegni progettuali, e la scelta dell’idea progettuale dell’Arch. Bargone, abbiamo fatto un percorso partecipato coinvolgendo gli studenti del Keynes, i rappresentanti delle scuole, i ragazzi del CCR e i ragazzi della Consulta Giovani, i fruitori della biblioteca, le bibliotecarie, con incontri durante i quali i progettisti hanno raccolto impressioni, opinioni e valutato proposte di modifica e perfezionamento dell'idea di progetto presentata in fase di concorso.

L’Architetto Federico Bargone ha illustrato il progetto: esso consta di due volumi: la biblioteca vera e propria e la struttura polivalente con sala mostre e sala consiliare.

La Biblioteca sarà dotata, oltre che dell’area bambini, di una grande hall multifunzionale destinata all’accoglienza, all’emeroteca e alla narrativa, di una caffetteria, di un’area giovani, di uno spazio dedicato alle attività di gruppo, oltre ovviamente ad ampie aree di lettura. La struttura polivalente avrà la sala consiliare, la sala commissioni consiliari, la sala gruppi consiliari, una sala mostre. Una gradonata esterna potrà essere utilizzata come piccolo teatro o cinema all’aperto.

Viene confermata la filosofia di fondo del progetto, con la forte integrazione nel Parco Calipari, sia attraverso le pendici erbose connesse agli edifici, sia attraverso una adeguata dotazione di piante e alberi autoctoni. Sono state adottate soluzioni ecocompatibili, nella previsione anche di successivi risparmi energetici e quindi di gestione: materiali ecocompatibili certificati, pannelli fotovoltaici, impianto di recupero e riutilizzo delle acque piovane, Sistema Domotico che garantirà la gestione in maniera integrata ed automatizzata degli impianti al fine massimizzare il risparmio energetico, il comfort e la sicurezza degli occupanti.

 

Per quanto riguarda i costi, essi assommano ad una ipotesi di base d'asta di circa 4.1000.000 euro

La copertura verde è di 370 mq, il nuovo manto erboso sarà di 2.092,00, gli alberi di nuovo impianto saranno 106, la durata prevista dei lavori è di 18 mesi, con inizio previsto ad aprile 2021 e consegna dell’edificio a ottobre 2022 (l'inizio lavori è slittato a giugno 2021).

Per quanto riguarda alcune critiche relative ad una presunta cementificazione del parco, Belinda Gottardi ha sottolineato che il Parco Calipari è 43.500 mq, gli edifici ne occupano 814 mq, cioè il 2%, considerando anche la parte esterna pavimentata (in autobloccanti e ghiaia) dei percorsi pedonali, arriviamo a un 4% di occupazione del parco. Inoltre, l’area di sgambamento cani non verrà eliminata ma verrà spostata.

 

L'assemblea: 

 

 

#siamocastelmaggiore

 

Il rendering del progetto:

 

 

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il