Open      
motore di ricerca

Ampliamento discarica ASA

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

Ampliamento discarica ASA

notizia pubblicata in data : mercoledì 20 dicembre 2017

 

L’ampliamento della discarica gestita dalla Società ASA del Gruppo Hera nell’area industrializzata compresa tra via Saliceto e l’autostrada A13 e destinata a raccogliere rifiuti inerti e inertizzati di derivanti da lavorazioni industriali  di via Saliceto, consistente in particolare nell’ulteriore sopraelevazione sul piano di campagna, è stato autorizzato da un provvedimento della Regione Emilia – Romagna, cui il Comune ha rilasciato un parere favorevole relativamente alla conformità urbanistica.

 

Contro il provvedimento, è stato presentato ricorso al TAR da parte del Centergross e del Comitato contro l’ampliamento, con la richiesta di sospensione del provvedimento in attesa del giudizio di merito da parte del Tribunale.

Il TAR non ha concesso la sospensione dei lavori, e neppure il Consiglio di Stato, cui in seconda istanza si sono rivolti gli oppositori del progetto, ha concesso la sospensione dei lavori, pur richiamando giustamente il TAR ad esprimere in tempi ragionevoli un giudizio di merito sulla vicenda.

 

Il Comune di Castel Maggiore attende quindi con piena fiducia nella giustizia la valutazione di merito, ribadendo però un concetto di fondo: occorre responsabilità nella gestione del ciclo dei rifiuti che vengono prodotti dalla nostra organizzazione sociale ed economica, pur con tutti gli sforzi messi in atto per ridurne il quantitativo. Parlare di altre possibili destinazioni significa semplicemente scaricare altrove la gestione dei rifiuti prodotti da attività industriali che fanno parte del nostro modello di sviluppo. La tipologia di rifiuti conferiti, inerti e inertizzati, non presenta particolari problematiche neanche sotto il profilo olfattivo, e viste le relazioni tecniche e le analisi presentate in sede di procedimento autorizzativo, non vi erano ragioni per un’opposizione da parte del Comune, chiamato peraltro a rilasciare il solo parere di conformità urbanistica.

 

 

ASA scpa è una società del Gruppo Hera, presente da oltre 20 anni sul nostro territorio in via Saliceto. La discarica ospita materiali inerti provenienti da cicli industriali e non ha nulla a che vedere con i rifiuti solidi urbani.

La proposta di sopraelevazione della discarica è stata presentata da Asa scpa e non è oggetto di autorizzazione comunale bensì di procedimento in sede di conferenza dei servizi presso la Regione Emilia Romagna.
Lo stoccaggio in discarica dei rifiuti industriali che non possono essere avviati al recupero costituirà anche nei prossimi anni una esigenza importante per il territorio bolognese e per l'intera regione e il progetto di ridefinizione del terzo settore della discarica prolungherebbe il tempo di vita attiva dell'impianto di due anni, portando la fine dei conferimenti al 2019.
Lo stoccaggio dei rifiuti è, in sostanza, una esigenza del nostro sistema produttivo che deve trovare una risposta sul territorio. Il servizio prestato da Asa risponde a questa esigenza. La tipologia e la provenienza dei rifiuti rimarrebbe invariata rispetto alla attuale.
Il progetto ad oggi approvato prevede le seguenti altezze sul piano di campagna: Crinale Nord 13,50 m, crinale sud 13,50m, sella 7,50m. La risagomatura prevederebbe le seguenti altezze: Crinale rilevato nord 22,05m, crinale rilevato sud 15,45m, sella 9,95m.

E' da ricordare anche che il sito non ospita i fusti di sostanze provenienti nel 1988 dalla discarica di Port Koko (Nigeria), bensì i terreni di decorticazione o terreni di contatto della discarica di Koko. Il sito è stato predisposto nel 1990, prima di ricevere tali terreni, con opportune misure finalizzate ad evitare la dispersione di materiali e idonei strumenti di monitoraggio. Le successive attività della discarica rientrano nello smaltimento di rifiuti speciali, non rifiuti solidi urbani, provenienti da lavorazioni industriali, tra cui le ceneri del termovalorizzatore di Bologna.
Dal 1990 ad oggi non sono state riscontrate problematiche ambientali di sorta.

ultima modifica:  05/01/2018
Risultato
  • 3
(329 valutazioni)