Open      
motore di ricerca

Polo sicurezza e Caserma Carabinieri: via ai lavori

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

Polo sicurezza e Caserma Carabinieri: via ai lavori

notizia pubblicata in data : martedì 07 novembre 2017

Il 25 novembre posa della prima pietra per il polo sicurezza, con la nuova Caserma dei Carabinieri, il presidio di Polizia Municipale, il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile.

 

Stazione Carabinieri - Comando Polizia Municipale
C.O.C. Centro Operativo Comunale
Progetto “Una stanza tutta per sé”

 

Cerimonia di posa della prima pietra  del Polo Sicurezza di Castel Maggiore

Sabato 25 Novembre 2017 ore 11.00, Via Ungaretti, Castel Maggiore

 

Intervengono:

 Belinda Gottardi, Sindaco di Castel Maggiore
Gen. C.A. Tullio Del Sette, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri

 

a seguire
Onori ai caduti presso il cippo commemorativo dei Carabinieri Umberto Erriu e Cataldo Stasi (Via Gramsci, presso Stazione Ferroviaria Castel Maggiore)

 

Sul territorio Comunale di Castel Maggiore, in via Delle Rimembranze n. 2, è presente una stazione dei Carabinieri che presenta oggi una progressiva obsolescenza e risulta non più idonea alle esigenze.
L’Amministrazione comunale, ritenendo che la presenza dell’Arma nel territorio comunale costituisca servizio irrinunciabile ai cittadini, si è pertanto attivata per realizzare un nuovo fabbricato ove far convergere anche gli uffici della Polizia Municipale e la sede del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile,
consentendo così di centralizzare la gestione delle problematiche di ordine pubblico nonché delle emergenze, in un’ottica di piena e fattiva collaborazione fra le istituzioni designate a controllare e garantire la sicurezza dei cittadini.


L’importo dell’intervento ammonta ad euro 1.800.000,00, finanziato con risorse dell’Amministrazione Comunale.  I tempi di realizzazione dell’opera sono di 17 mesi. 
La posa della prima pietra è prevista per il 25 novembre alle ore 11.00 con la partecipazione del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. Tullio Del Sette. 


L’area individuata dall’Amministrazione Comunale per la realizzazione dell’opera è un lotto edificabile, provvisoriamente tenuto a prato, localizzato nella parte a Nord del territorio urbanizzato comunale, all'incorcio tra le vie Pablo Neruda e Ungaretti.
Nelle adiacenze al lotto di intervento si trova il parco pubblico Iqbal Masih, il Centro Diurno e principali edifici pubblici cittadini quali la chiesa e servizi comunali.
Nel parco saranno piantati circa 200 alberi al fine di creare una macchia boscata che permetta di valorizzare paesaggisticamente il nuovo contesto costruttivo, integrandolo nel parco adiacente e, nel contempo, che possa costituire una barriera vegetale sia per chi frequenta il parco che per chi si trova all’interno della caserma. 


La porzione di edificio destinata a Caserma dei Carabinieri è dimensionata per una forza Operativa superiore a 7 unità (Stazione Media) tenendo in considerazione i “parametri dimensionali orientativi per la progettazione di infrastrutture tipo” redatto dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri.


Nella parte nord del fabbricato est sarà ubicato il presidio del Corpo Unico di Polizia Municipale precedentemente al piano terra del Municipio di via Matteotti. 

 

Il Centro Operativo Comunale viene attivato al verificarsi di emergenze di protezione civile e serve al coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione colpita, provvedendo ai primi interventi necessari a fronteggiare l’emergenza. 

 

IL PROGETTO “UNA STANZA TUTTA PER SÉ” 
In relazione a fenomeno della violenza di genere sulle donne, in accordo con la Prefettura e con il Comando dei Carabinieri si è proposto di aderire al progetto “Una stanza tutta per sé”, progetto nazionale che fa parte di una specifica strategia preventiva dell’Arma tesa alla accoglienza delle donne che intendano denunciare le violenze e gli abusi subiti direttamente o dei loro famigliari, soprattutto minori; il “Polo Sicurezza” garantirebbe una sinergia grazie al coinvolgimento nei programmi del corpo di Polizia Municipale e dei Servizi Sociali, al fine di tutelare adeguatamente queste “vittime vulnerabili”. 
Ricavata all’interno del comando, la stanza dovrà essere un luogo ospitale e dovrà essere arredata e attrezzata in modo da permettere alla donna di sentirsi sicura e pronta a raccontare le sue esperienze drammatiche. Il personale, inoltre, dovrà essere opportunamente formato per poter accogliere le donne e con tutte le attenzioni necessarie: la Polizia Municipale ha già avviato un percorso di formazione per i propri operatori. 

ultima modifica:  29/11/2017
Risultato
  • 3
(530 valutazioni)
Galleria immagini
rendering_caserma rendering caserma2