Open      
motore di ricerca

Il Circo capovolto

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

Il Circo capovolto

notizia pubblicata in data : martedì 28 ottobre 2014

Il Circo capovolto

Sguardi 2014-2015

"Nessuna società e nessun sistema ideologico potranno abolire la tristezza e il dolore di vivere, la paura della morte, la sete di assoluto. Nessuno potrà abolire il teatro".
Eugène Ionesco

Venerdì 7 Novembre
Teatro Comunale di Argelato, Via Centese 50 - Argelato

Teatro delle temperie
IL CIRCO CAPOVOLTO
di e con Andrea Lupo

Diretto da Andrea Paolucci
Aiuto regista: Viktoria Vandelli
Musiche: David Sarnelli
Disegno luci e suoni: Andrea Bondi
Scenografia: Brina Babini
Costumi: Alessia Raimondi
Una produzione Teatro delle temperie, in collaborazione con Teatro dell'Argine,
con il sostegno della Provincia di Bologna e della Regione Emilia Romagna.

«Questo spettacolo arriva come il risultato di un percorso iniziato insieme all'autrice, Milena Magnani, nel 2008, anno di pubblicazione del romanzo e dell'elaborazione di una lettura drammatizzata che ha accompagnato in tutta Italia l a presentazione del romanzo stesso. Lo spettacolo nasce, prima di tutto, dalla curiosità verso un popolo, quello Rom, che pur vivendo all'interno della nostra comunità, non ne ha mai veramente fatto parte e ha mantenuto nei secoli la propria identità pur mescolandosi e immergendosi in culture diverse, fra popoli differenti. Le differenze sono il vero filo rosso di questo spettacolo. Differenze come valori aggiunti e non come ostacoli, non come limiti invalicabili, non come pretesti per allontanarsi. Differenze come occasioni, come opportunità, come incontri. Differenze fra le persone che vivono all'interno dei campi; fra chi vive nei campi e chi vive fuori. Differenze fra chi arriva nei campi e chi nasce già nei campi e da lì non ha nessuna speranza di andarsene. Differenze fra chi non è neppure più in grado di immaginare una differenza per sé, per la propria famiglia, per la propria gente e chi invece riesce ancora a vedere negli occhi curiosi dei bambini una possibilità di futuro e forse di riscatto.» 
Andrea Lupo

ultima modifica:  08/05/2017
Risultato
  • 3
(1513 valutazioni)